MERCATI ESTERI – La moda ‘a valore artigiano’ in pole position nel mondo. E al Salone White fa il pieno di visitatori La moda made in Italy a valore artigiano che nasce nei laboratori delle piccole imprese continua a mietere successi in Italia e nel mondo: soltanto nel 2017 sono volati sui mercati esteri prodotti di abbigliamento per un valore di oltre 15 miliardi di euro. Una cifra che supera di quasi il 4% i risultati delle esportazioni ottenuti nel 2016.
E se serviva una conferma di quanto piace il fashion italiano, è arrivata da White Milano, il principale salone nazionale della moda femminile dove, dal 23 al 26 febbraio, hanno esposto le loro creazioni un folto gruppo di imprese di Confartigianato.

Quest’anno la manifestazione ha visto una crescita del 12% dei visitatori. I buyers, in particolare, hanno registrato un aumento del 16%, con gli italiani in crescita del 14% e gli stranieri del 28%.

Grazie alla partnership avviata nel 2016 dalla Confederazione con ICE-Agenzia e il salone milanese, i nostri imprenditori della moda hanno potuto mostrare tutta la loro creatività.

Particolarmente apprezzati progetti come ‘It’s Time to South’ dedicato ai talenti e alle suggestioni del Mezzogiorno. Insieme a White, inoltre, Confartigianato offre opportunità di business alle aziende italiane con ‘Style Routes to Shanghai’, che a ottobre, per la seconda volta, porterà alla fashion week di Shanghai, una selezione di aziende che vogliono sviluppare rapporti commerciali con il mercato cinese dove nel 2017 la moda italiana ha registrato una crescita a doppia cifra.

Giuseppe Mazzarella, delegato all’internazionalizzazione di Confartigianato, traccia un bilancio più che positivo della collaborazione con White: “E’ una fiera molto importante che dà una visibilità eccezionale per quel segmento di clientela adatto alle nostre imprese. Un segmento medio-alto di clienti che cercano qualità, stile, prodotti di nicchia. Il connubio tra Confartigianato e White sta andando avanti alla grande. Ci lavoreremo ancora, con iniziative innovative. Tra l’altro abbiamo aperto spazi nuovi in via Tortona dedicati alle nostre imprese”.

E ora – aggiunge Mazzarella – l’impegno di Confartigianato per promuovere all’estero il made in Italy a valore artigiano continuerà con altre iniziative. “Faremo incoming di buyers stranieri in Italia per la moda e altri settori, ma realizzeremo anche missioni all’estero, in particolare a Shangai, a Mosca e a Parigi”.

Torna Indietro